L’ultima tappa del Mytho: Aquileia 2023

AQUILEIA:
MYTHO MARATHON 2023

Sarà la meravigliosa città romana di Aquileia ad incoronare nel 2023 i primi runners che entreranno nel MYTHO di Maratona. Celebre per la sua imponente basilica, Aquileia è stata un’importante città dell’Impero Romano e poi principale centro per la diffusione del Cristianesimo nell’Europa del nord e dell’est. È sito UNESCO dal 1998 per l’importanza della sua area archeologica e la bellezza dei mosaici pavimentali che custodisce.

AQUILEIA

Aquileia, importante città dell’Impero romano e poi principale centro per la diffusione del Cristianesimo nell’Europa del nord e dell’est, rappresenta una straordinaria occasione di conoscenza e regala un’indimenticabile esperienza di visita. Per l’importanza della sua area archeologica e la bellezza dei mosaici pavimentali che custodisce dal 1998 Aquileia è entrata a far parte della lista dei siti riconosciuti dall’UNESCO come Patrimonio dell'Umanità. Tra tutti, il più grande e conosciuto è quello della basilica di S. Maria Assunta, risalente al IV secolo, ma a questo si aggiungono altri preziosi resti musivi di età romana e paleocristiana, che fanno di Aquileia una sorta di capitale del mosaico romano d’Occidente. Oltre al complesso basilicale, devono essere inclusi nella vostra visita anche il Museo Nazionale Paleocristiano e il Museo Archeologico Nazionale.

Grado

Elegante cittadina di mare con un centro storico dal fascino veneziano che si rivela tra campielli e vicoli su cui si affacciano le pittoresche case dei pescatori, Grado è una delle più note cittadine balneari del Friuli Venezia Giulia. Nella città vecchia, in Campo dei Patriarchi, dominano la scena la Basilica di Santa Eufemia e l’adiacente Basilica di Santa Maria delle Grazie, la più antica di Grado. È nota come isola del sole, perché i suoi tre chilometri di spiaggia, rivolti a sud, non sono mai in ombra e anche perché, grazie al suo particolare microclima, il sole qui non manca mai.
Appartenente un tempo ai domini dell’Impero austro-ungarico, Grado fu molto amata dall’aristocrazia asburgica che, fin dall’Ottocento, raggiungeva l’Isola per i bagni e le pregiate Terme marine che ancora oggi coniugano salute e bellezza e sono il luogo ideale per ridare vigore al corpo e allo spirito.

Isola della Cona

Inserita assieme all’area del Caneo nella Riserva Naturale della Foce dell’Isonzo, l’Isola della Cona si trova racchiusa in un’area di 2.400 ettari, situata lungo gli ultimi 15 km del fiume Isonzo ed è stata riconosciuta come miglior zona d’Italia per il birdwatching. Il suo simbolo è il chiurlo maggiore e dista solo 2o km da Grado. Un ecosistema unico al mondo, dove è possibile ammirare la rigogliosa flora (650 le specie presenti) e la fauna autoctone (sono 323 le specie avicole censite nella Riserva). È l’habitat ideale per decine di specie di uccelli acquatici come gli aironi, le folaghe, i germani reali, le alzavole, le marzaiole, le anatre e i gabbiani. L’area è attrezzata per escursioni a piedi o in bicicletta e offre la possibilità di partecipare a laboratori didattici e visite guidate; presso l’Isola della Cona è anche possibile effettuare escursioni in sella ai bianchi cavalli Camargue.